L’azienda agricola “Fattoria Franco” è situata nel comune di Longobucco

in provincia di Cosenza, nella località detta Puntadura, adagiata lungo il fiume Trionto, fra le frazioni Destro e Ortiano.

Il nome Puntadura è un toponimo il cui significato è scudo di difesa del luogo. Infatti, sulla roccia dorsale ultrasecolare a punta si sono infrante da sempre le acque del Trionto.

La vallata del Trionto era la via principale che univa Longobucco alla marina ed alla Sila e fin dal 1600, lungo i suoi argini, ogni famiglia coltivava il suo orticello.

A due passi dalla nostra azienda sorge la Chiesa di Santa Maria della Mercede, dedicata dalle popolazioni locali alla Vergine Madre in segno della grande devozione. La chiesa fu a lungo il luogo di culto di riferimento per le varie comunità disseminate lungo il Trionto, che vi dimorarono fino alla fine degli anni ’70.

La chiesa di Santa Maria di Puntadura disponeva del dormitorio che, oltre a dare dimora ai monaci basiliana, poteva ospitare i viandanti sorpresi dalla notte o dal cattivo tempo.

Lungo tutto il corso del fiume Trionto si possono ritrovare tutt’oggi numerose testimonianze della presenza dei monaci.

Alla presenza del monastero e dei monaci si accompagnò di conseguenza lo sviluppo di realtà aggregative molto forti, legate non solo al culto della Santa, ma anche e soprattutto allo scambio commerciale, consolidando tutte queste attività in un evento che ha luogo ancora oggi: la fiera di Puntadura.

La fiera nacque in vista delle celebrazioni annuali di Santa Maria della Mercede, festeggiata storicamente il 25 Settembre dagli abitanti della zona e di tutta la vallata del Trionto nella chiesa che sorge in corrispondenza del fiume.

La fiera agricola, che si tiene ancora ogni anno in settembre, è una delle più antiche della Calabria.

In passato fu talmente rinomata che il suo sito venne indicato sulle carte geografiche; nella carta della Calabria, pubblicata a Bologna nel 1620, è indicato il piccolo centro sacro ed economico: Santa Maria di Puntadura.

Nata con esigenze di scambi di bestiame, di stoffe, di manufatti, necessari per l’agricoltura e per la vita domestica; la fiera oggi si è evoluta perdendo tuttavia una parte del suo fascino antico e rurale.

A testimonianza del fermento e della attività agricola diffusa della popolazione di tutta la vallata, si possono intravedere i ruderi di una vecchia centrale idroelettrica, poco distante dalla Chiesa, costruita con lo scopo primario di macinare il grano, oltreché per portare l’energia elettrica in tutta la vallata.

Tra le tante famiglie che risiedevano a Puntadura, la famiglia Smurra era una delle più nobili di tutta Longobucco. La casa attualmente presente a Puntadura era di proprietà della famiglia Smurra ed era già presente nel 1920 quando è stato costruito il secondo piano. Di fianco alla casa, era presente una scuola che sottolinea la forte presenza di famiglie e del senso di comunità della popolazione della vallata.

Spedizione gratuita su ordini superiori a € 90,00

acquista ora!